Home In evidenza Via Rubens 9

Via Rubens 9

di Mille Battute

BACKSTAGE

Abbiamo chiesto alle persone come si vive, cosa si pensa, cosa si scrive fissando sempre le stesse 4 mura durante una quarantena. Queste sono le storie che ci hanno raccontato. Ora noi le raccontiamo a voi.

VIA RUBENS 9

Camilla Piana

“Abito in un palazzo di ringhiera della vecchia Milano.
Dall’ingresso, i tre cortili si diramano con ossequioso rispetto all’architettura originaria di inizio ‘900.
Mi ci sono trasferita nel 2017, innamorata della sua compagine umana, colorita e folta. La sorda deflagrazione del Covid 19 e l’imposizione della quarantena, hanno involontariamente recapitato a questo indirizzo, un’inaspettata novità: il tempo lento. Tra i lunghi corridoi di corte ora non ci sono solo i panni stesi al sole con impettito ingombro, gli sbuffi profumati di sugo e di fritto tra le rampe delle scale, la bottega del falegname e il laboratorio del panettiere, ma c’è anche chi legge alla stessa ora, chi coltiva tintarelle, il guardone ficcanaso e c’è chi cerca, come me, una ventata di ossigeno tra la luce dei ballatoi. Apprendo solo ora la gestualità di ciascuno, i timbri delle loro voci e, senza poco imbarazzo, scopro solo ora i loro nomi.
Questo è il piccolo diario di un tempo sospeso, dei volti e delle assenze, delle voci e dei silenzi che stanno accompagnando, in modo un po’ più dolce, questo mio isolamento.
Abito in via Rubens n°9 e quando il tempo della vita tornerà di nuovo a non bastare mai, noi ci fermeremo ancora un altro giorno per fare esplodere la più grande festa di condominio mai vista a questo civico.”

GALLERIA FOTOGRAFICA

Camilla Piana

Post correlati

Questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Per accedere all'informativa clicca sul pulsante "Info". Se sei d'accordo clicca sul pulsante "Accetto".. Accetto Info