Home StorieStorie africane ETIOPIA Donne frustate

ETIOPIA Donne frustate

di Mille Battute
Donne frustate

 BACKSTAGE

Un rituale che a noi occidentali sembra terribile e privo di senso, crudele e inumano. Eppure, per le donne Hamer essere frustate dagli uomini durante i festeggiamenti che precedono la cerimonia del salto del toro è motivo di vanto. E’ un segno di attaccamento alla tribù e di affetto nei confronti di chi effettua il passaggio all’età adulta. Inoltre è testimonianza della capacità di sopportare il dolore. A noi non resta che guardare, ammirare la loro capacità di resistere alla sofferenza e cercare di comprenderne i motivi, senza giudicare.

 DONNE FRUSTATE

  Enrico Madini

Giovani e vecchie donne Hamer ballano insieme prima della cerimonia del salto del toro: le treccine impastate di terra rossa scintillano al sole, nel fragore di sonagli e trombette. Poi d’improvviso il ballo si interrompe. I Maz, uomini già iniziati, avanzano portando con sé fascine di verghe sottili. Le donne corrono loro incontro, li circondano uno ad uno, li sfidano. Ogni uomo osserva la calca, sembra quasi voglia sfuggirla. Ma quando alza il braccio armato di verga, è il segno: è pronto! La donna davanti a lui, la prescelta, sembra illuminarsi: resta in attesa a testa alta, saltellando; le altre si scostano. Parte una sorta di duello: qualche attimo, interminabile. Poi la frustata rituale colpisce e lo schiocco fa sobbalzare chi assiste. Uno, due, tre colpi. Non un urlo, non un cedimento. Nulla lascia trasparire la sofferenza: solo il sangue delle ferite racconta la violenza del gesto. Nel sorriso di chi è stata colpita brilla l’orgoglio: cicatrici perenni testimonieranno quanto vale.”

 GALLERIA FOTOGRAFICA

  Enrico Madini

Post correlati

Questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Per accedere all'informativa clicca sul pulsante "Info". Se sei d'accordo clicca sul pulsante "Accetto".. Accetto Info