Home ViaggiArchivio ZAMBIA Mal d’Africa

ZAMBIA Mal d’Africa

di Mille Battute
Un viaggio in Zambia

 DATA DI PARTENZA

Dal 17 al 28 ottobre 2019

 QUOTA DI PARTECIPAZIONE

3.100 euro a persona

 ACCOMPAGNATORE

  Mirko Zanoni

 PARTECIPA AL VIAGGIO

Programma completo e prenotazioni su Terraferma – Compagnia del Mar Rosso

 UN VIAGGIO IN ZAMBIA

Un viaggio in Zambia. Un nome che echeggia tra tutti gli appassionati di natura africana: il South Luangwa National Park. Non c’è un solo esperto di safari che non ami questo luogo e i suoi leopardi. 

ITINERARIO

Attraverseremo savane infinite e foreste, navigheremo sui fiumi, cammineremo tra i profumi della savana interamente circondati dalla fauna africana. Si tratta di una vera immersione nel regno animale, che ci permetterà di assistere a scenari indimenticabili.
Per molti anni lo Zambia è stato la Cenerentola d’Africa, trascurato dai turisti e dimenticato dal mondo intero. Questo gli ha permesso di essere è uno dei Paesi più incontaminati, sia dal punto di vista naturalistico che culturale.
I suoi Parchi Nazionali sono tra i meno turistici di tutta l’Africa, ancora selvaggi e in larga parte inesplorati: proprio per questo vengono considerati i migliori Parchi Nazionali in Africa per svolgere attività di Safari.

UN PAESE INCONTAMINATO

Per molti anni lo Zambia è stato la Cenerentola d’Africa, trascurato dai turisti e dimenticato dal mondo intero. Questo gli ha permesso di essere è uno dei Paesi più incontaminati, sia dal punto di vista naturalistico che culturale.

I PARCHI

I suoi Parchi Nazionali sono tra i meno turistici di tutta l’Africa, ancora selvaggi e in larga parte inesplorati: proprio per questo vengono considerati i migliori Parchi Nazionali in Africa per svolgere attività di Safari.
I Parchi dello Zambia sono tra i meglio gestiti al mondo e ogni anno ricevono riconoscimenti internazionali.

Il Paese offre ai viaggiatori la maggiore varietà di safari: in auto, a piedi, notturni, in barca e in canoa.
Sicuramente, lo Zambia rappresenta ancora una sfida per alcuni viaggiatori. Le distanze sono lunghe, i trasporti locali precari, ma si sa, questa è l’Africa ed è anche per questo che ci si ammala!

Post correlati

Questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Per accedere all'informativa clicca sul pulsante "Info". Se sei d'accordo clicca sul pulsante "Accetto".. Accetto Info